Eventi

20 - 21 Ottobre 2018

corso di "Ipnosi 1° Livello: La Scoperta dell'Inconscio"

9 - 10 novembre 2018

corso di "Leadership"

23 - 24 novembre 2018

corso "Spiritualità Pratica"

14 - 15 dicembre 2018

corso "Viaggio nelle Emozioni"

26 - 27 gennaio 2019

corso di "Ipnosi 2° Livello: Trasformazione dell'Anima"

16 - 17 marzo 2019

corso "Al di Là delle Parole: La Forza del Linguaggio Universale"

Mostra tutti gli articoli di questa sezione

Relax

OGNI UNO E' UN GENIO MA SE SI GIUDICA UN PESCE DALLA SUA ABILITA' DI ARRAMPICARSI SUGLI ALBERI, LUI PASSA TUTTA LA VITA A CREDERSI STUPIDO. Albert Einstein (segnalata da Stefano Ziggiotto)

BAMBINO DI 8 ANNI COMPLETA IL TRIATHLON SFIDANDO LA PARALISI CEREBRALE

GRAN BRETAGNA 28 Luglio 2015 - Un bambino di 8 anni, Bailey, che vive in Gran Bretagna è affetto da paralisi cerebrale da quando aveva 18 mesi e presenta  gravi difficoltà alle articolazioni. Nonostante questo ha sfidato la propria malattia, partecipando ad una competizione di triathlon e nel periodo precedente alla gara si è allenato provando a correre,

pedalare e nuotare nel lago vicino a casa sua. Nel corso della competizione il tifo per Bailey si è fatto sempre più fragoroso, in particolare negli ultimi metri che lo separavano dal traguardo: il padre lo seguiva a qualche metro di distanza, Bailey cerca di camminare sostenendosi al deambulatore e appare stremato dalla fatica. In un fotogramma si nota il bambino che rivolge lo sguardo alla folla e spinto dall’entusiasmo abbandona il deambulatore e percorre l’ultimo tratto della corsa senza sostegni, allargando le braccia quasi per volare, perde l’equilibrio, cade due volte ma si rialza e prende slancio come una farfalla ferita e riesce a raggiungere il suo traguardo sostenuto dall’incitamento e dall’entusiasmo della famiglia e del pubblico.

È complesso capire se siano state le incitazioni del pubblico a dare energia alla corsa di Bailey o se invece sia stata la forza interiore di questo bambino a dare voce alle persone che lo incoraggiavano.

La storia di Bailey che vince i suoi limiti ci insegna che non è importante vincere la gara arrivando ai primi posti sul podio, ma raggiungere i propri obiettivi con la consapevolezza che i sogni sono realizzabili.

 

Link    https://www.youtube.com/watch?v=D_4ekVWuedg